Home arrow Cultura alpina arrow Attivitą produttive tradizionali arrow La latteria di valle di Santa Maria Maggiore
La latteria di valle di Santa Maria Maggiore PDF Stampa
Avanti >

Casaro al lavoro nella latteria di valle a Santa Maria Maggiore
Casaro al lavoro nella latteria di valle a Santa Maria Maggiore
I profondi cambiamenti che l’economia agricola montana ha subito negli ultimi decenni, ha comportato la graduale scomparsa dei piccoli allevamenti a carattere famigliare e la concentrazione dei capi di bestiame in poche aziende di dimensioni maggiori.

Di conseguenza, anche le tradizionali latterie turnarie, un tempo presenti in tutti i paesi, sono state chiuse, tranne poche eccezioni come la latteria di Coimo.

Per aiutare e incrementare questa economia in grande trasformazione è recentemente nato a Santa Maria Maggiore un razionale caseificio di valle, cui è conferito oggi il 70% delle produzioni di latte in Valle Vigezzo, sia caprino che vaccino.

Vengono prodotti formaggi destinati al mercato locale e a grandi distributori: formaggi di latte vaccino (Spress ossolano), di misto capra e vacca (Spress misto capra), di latte caprino (Capraiola), oltre a formaggi freschi, ricotta e yogurt.

Durante la stagione estiva negli alpeggi esistono sale di trasformazione autorizzate (le antiche “casere”, oggi ammodernate secondo le attuali normative sanitarie) che permettono la trasformazione sul posto del formaggio d’alpe.

 
Avanti >
Copyright © 2018 Itinerari senza Frontiere.  Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Fenice Tecnologie s.a.s. Our site is valid CSS Our site is valid XHTML 1.0 Transitional